E adesso Fatma si può salvare! - IPB-ITALIA - Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

IPB-ITALIA

Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

Nuovo aspetto del sito e maggiore fruibilità dei contenuti!
Segnalate comunque eventuali malfunzionamenti. Grazie!

Volete tenervi aggiornati sulle ultime novità? Seguiteci su Twitter!


E adesso Fatma si può salvare!

11 novembre 2010 di roberto

E’ arrivata una grande notizia. Fatma Basm Hassan si può salvare!

Sono arrivati i risultati delle tipizzazioni dei campioni di sangue dei fratelli (Fulgida la nostra presidente li ha portati in Italia al ritorno dal suo ultimo viaggio nel Kurdistan iracheno) e il responso è stato positivo. La sorellina Zhara, la minore, risulta essere compatibile per il trapianto di midollo che consentirà a Fatma di guarire!

Leggiamo dalla penna del dott. Giovanni Palazzi dell’ospedale di Modena, che ha preso in cura la piccola paziente:

“La informo che abbiamo i risultati delle tipizzazioni della famiglia di Fatma: Zhara, la sorellina di 2 anni (nata nel 2008) è l’unica compatibile, ma per fortuna lei è compatibile, quindi candidabile come donatrice di midollo per il trapianto. A questo punto credo che possiamo dire: 1) che abbiamo la possibilità reale di trapiantare Fatma. 2) che è ancora più importante di prima fare un serio programma di chelazione (farmaci per eliminare il ferro) per dare a Fatma la possibilità di arrivare al trapianto nelle migliori condizioni possibili. 3) dal momento che ci troviamo nella condizioni di un donatore più piccolo del ricevente dobbiamo aspettare che il donatore “cresca un pò” perchè sia di peso maggiore: quindi il tempo che avevamo stimato perchè l’organismo di Fatma riduca il ferro in eccesso gioca a nostro favore anche in questo senso.”

E adesso occorre avere tanta pazienza. Ma questa bella notizia trasforma la speranza in una certezza.

Questo articolo è stato pubblicato il giovedì, novembre 11th, 2010 alle 21:28 ed è archiviato in Iniziative, Progetto Iraq. . Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il Feed RSS 2.0 feed. Puoi lasciare un commento, o fare un trackback dal tuo sito.



Lascia un commento

Devi essere registrato e loggato per inserire un commento.