Progetto Iraq - IPB-ITALIA - Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

IPB-ITALIA

Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

Nuovo aspetto del sito e maggiore fruibilità dei contenuti!
Segnalate comunque eventuali malfunzionamenti. Grazie!

Volete tenervi aggiornati sulle ultime novità? Seguiteci su Twitter!


Archivio della categoria 'Progetto Iraq'

“Salviamo Fatma”, è stato un successo

16 marzo 2011 Pubblicato da roberto

E’ stato un grosso successo lo spettacolo realizzato lo scorso 12 marzo al teatro “Rossini” di Lugo. Come si ricorderà è stato pensato per offrire un grosso segno di ringraziamento a quanti si sono prodigati per le cure e la salvezza di Fatma Basm Hassan, la ragazzina irachena malata di talassemia major, la scorsa primavera ospite in Italia.

corriere_teatro_rossini.jpgNella conferenza stampa svoltasi in precedenza presso la rocca di Lugo, si è sottolineata l’importanza dell’evento che, pur partendo dal caso singolo delle cure a Fatma, ha contribuito a facilitare l’apertura di un centro per la cura della talassemia direttamente a Sulaymanyah, nel Kurdistan iracheno.
“Alla fine non c’era più il palco e il pubblico ma eravamo tutti insieme, abbracciati e uniti per questa cosa grande, sicuramente più grande di noi, ma che abbiamo fatto!!! siamo riusciti a fare, con l’aiuto di tutti, tutti ci abbiamo messo un pezzetto del nostro cuore e abbiamo fatto una GRANDE SQUADRA VINCENTE!!!!!
Non avevo dubbi ma ora ne sono certa FATMA SI SALVERA’ e IL CENTRO PER LA CURA DELLA TALASSEMIA non tarderà a salvare gli altri bambini iracheni che sono ammalati e non perchè non ci hanno incontrato non meritano anche loro di essere salvati.
CE L’ABBIAMO FATTA!!!!!”

Nota: a questo link si accede alla galleria delle immagini, tuttora in via di completamento, e agli articoli della rassegna stampa.

Categorie: Appuntamenti, Iniziative, Progetto Iraq | | Nessun Commento »

Da segnare nel proprio calendario

14 dicembre 2010 Pubblicato da roberto

Lugo. Scorcio interno del teatro Rossini.Una grande festa, perché no? Un giorno da segnare con largo anticipo nel proprio calendario.

Il 12 marzo prossimo. A Lugo, al Teatro Rossini. Uno spettacolo, un ringraziamento speciale, una serata da trascorrere in amicizia con chi ha reso possibile il piccolo miracolo (anche se non ancora concluso) della salvezza di Fatma.

Saranno presenti, salvo impedimenti improvvisi, anche Maurizio Melani Ambasciatore italiano a Baghdad, e il segretario dell’Ambasciata dr. Francesco Fedele, che tanto hanno operato per far sì che la ragazzina irachena potesse arrivare in Italia per le prime cure.

Ecco uno stralcio della lettera che la nostra Presidente ha inviato a Baghdad. Più avanti nel tempo sicuramente ritorneremo su questo evento per darvi notizie più in dettaglio.

Gentile Ambasciatore Melani e Gentile Dr. Fedele, che con tanta premura, umanità e soprattutto “italianità” ci avete assistiti e accompagnati nella non facile impresa di salvare la vita della piccola irachena Fatma Basm.
L’impresa non è conclusa ma siamo sulla buona strada e con grande gioia vi annuncio che la più piccolina delle sorelline di Fatma che oggi ha solo 2 anni LEI proprio lei è compatibile per donare il midollo che salverà la vita alla “nostra” Fatma. Dico nostra perchè oramai la città di Lugo l’ha adottata, da Roma alla Romagna, dalla Turchia a Ginevra tutti sanno di questa splendida impresa realizzata da una “cordata di italiani di buona volontà che hanno reso possibile l’impossibile in tempi incredibili” e qui il Dr. Fedele quando dico questo so che mi puo’ comprendere “bene”.
La presente è per annunciarVi che riceverete un invito a venire a Lugo di Romagna e se poteste sin da ora tenere le vostre agende disponibili per il giorno 12 marzo 2011 dove nella serata, nel Teatro Rossini, nell’ambito di uno spettacolo dedicato a Fatma, tutte le persone che hanno partecipato a questa “meravigliosa cordata” riceveranno un “ringraziamento-encomio” di IPB-Italia alla presenza della rappresentanza della Presidenza della Repubblica Italiana che ci ha anche lei seguiti e assistiti passo dopo passo in questa impresa.
Confido che possiate organizzare le vostre agende per potere essere presenti.
Con l’occasione vi invio i miei più fervidi auguri di BUONE FESTE a voi e alle vostre famiglie.
Grazie ancora di tutto
Fulgida

Categorie: Appuntamenti, Iniziative, Progetto Iraq | | Nessun Commento »

E adesso Fatma si può salvare!

11 novembre 2010 Pubblicato da roberto

E’ arrivata una grande notizia. Fatma Basm Hassan si può salvare!

Sono arrivati i risultati delle tipizzazioni dei campioni di sangue dei fratelli (Fulgida la nostra presidente li ha portati in Italia al ritorno dal suo ultimo viaggio nel Kurdistan iracheno) e il responso è stato positivo. La sorellina Zhara, la minore, risulta essere compatibile per il trapianto di midollo che consentirà a Fatma di guarire!

Leggiamo dalla penna del dott. Giovanni Palazzi dell’ospedale di Modena, che ha preso in cura la piccola paziente:

“La informo che abbiamo i risultati delle tipizzazioni della famiglia di Fatma: Zhara, la sorellina di 2 anni (nata nel 2008) è l’unica compatibile, ma per fortuna lei è compatibile, quindi candidabile come donatrice di midollo per il trapianto. A questo punto credo che possiamo dire: 1) che abbiamo la possibilità reale di trapiantare Fatma. 2) che è ancora più importante di prima fare un serio programma di chelazione (farmaci per eliminare il ferro) per dare a Fatma la possibilità di arrivare al trapianto nelle migliori condizioni possibili. 3) dal momento che ci troviamo nella condizioni di un donatore più piccolo del ricevente dobbiamo aspettare che il donatore “cresca un pò” perchè sia di peso maggiore: quindi il tempo che avevamo stimato perchè l’organismo di Fatma riduca il ferro in eccesso gioca a nostro favore anche in questo senso.”

E adesso occorre avere tanta pazienza. Ma questa bella notizia trasforma la speranza in una certezza.

Categorie: Iniziative, Progetto Iraq | | Nessun Commento »

Aiutiamo la piccola Fatma

29 agosto 2010 Pubblicato da roberto

Il progetto è partito. Una cordata di tante persone per salvare la vita di una bimba irachena.

La storia la sapete ormai. Come tante vicende a cui solo il caso sembra aver dato vita, ecco una speranza che si fa concreta e una responsabilità che troviamo per fortuna già condivisa tra tanti.

Ecco allora il comunicato che dà l’avvio a un appello: perché questo percorso di solidarietà ha bisogno di un supporto duraturo per arrivare al compimento!

Vedi anche:


AIUTIAMO

La piccola FATMA

Hassan Akbar – Fatma Basm Jassam

Hassan Akbar – Fatma Basm Jassam

Una cordata di tante persone per salvare la vita di una bimba irachena

La piccola Fatma è arrivata lo scorso 18 luglio in Italia. Un viaggio della speranza come tanti ma Fatma oggi è entrata nei nostri cuori, vispa, intelligente, un vero “grillino” che conosce già tante parole in Italiano

E’ stato un grande lavoro di equipe dove tutti hanno fatto la loro parte con eccellenza e professionalità.

La squadra ha funzionato, sta funzionando e funzionerà perché la strada per salvare Fatma è appena iniziata.

Le sue condizioni sono medicalmente “gravi”, è affetta da talassemia major, una patologia che conduce alla morte, e il suo attuale stato di salute impedisce di sottoporla ad un trapianto di midollo, unica via per la sua salvezza.

Dovrà quindi seguire una terapia molto attenta per almeno 12 mesi per stabilizzare i valori nel suo sangue e il prossimo anno potrà tornare in Italia per il “trapianto di midollo” che le consentirà di vivere e vivere una vita quasi “normale”.

IPB-Italia Lo scorso marzo aveva incontarato Hassan Akbar Parwen mamma della piccola Fatma pur non parlando una parola di inglese tantomeno di italiano ne aveva inseguiti i delegati Fulgida Barattoni e Mariapia Indelicato nel giardino dell’ospedale, aveva preso loro le mani e con il solo linguaggio degli occhi, da mamma a mamma aveva detto: Aiutatemi la mia bambina sta morendo. Non esiste disperazione più grande per una mamma di dovere assistere “impotente” alla morte di un figlio”.

IPB-Italia anche se è un’associazione prettamente composta da professionisti, scienziati, avvocati, esperti di armi chimiche, nucleari, biologiche, gente che studia le convenzioni internazionali che cerca di porre piccoli rimedi alla violenza della guerra non poteva rimanere insensibile a questo richiamo e oggi si fa promotore del progetto per salvare la vita di FATMA. E’ decisiva una operazione di sensibilizzazione per avviare una

RACCOLTA FONDI

finalizzati ad aiutare la piccola Fatma

Le donazioni in aiuto di Fatma Basm potranno essere versate sul ccp 11114444 intestato a IPB-Italia, Piazza Martiri 1 – Lugo con CAUSALE: Salviamo insieme Fatma

Potrete seguire lo sviluppo del progetto, la documentazione dei versamenti effettuati e delle spese sostenute direttamente sul sito del Comune di Lugo al link dedicato a I.P.B. International Peace Bureau.(www.comune.lugo.ra.it)

Tutte le donazioni saranno seguite da regolare ricevuta di avvenuto versamento

Le azioni di aiuto sono finalizzate a sostenere i costi per :

  • la terapia medica per 12 mesi
  • il viaggio per il ritorno in Iraq per Fatma e per la madre
  • il viaggio in Italia, fra 12 mesi, per Fatma, la madre ed eventualmente un fratello donatore
  • la permanenza in Italia di Fatma e della madre per le cure post-trapianto per un periodo di circa 6 mesi
  • il viaggio di ritorno in Iraq per Fatma e per la madre

Si ringraziano:

La First Lady dell’Iraq Hero Ibrahim Talabani

il Sindaco della città di Halabja Kareem Khder

l’Ambasciata Italiana di Baghdad nelle persone dell’Ambasciatore Maurizio Melani, il Dr. Francesco Fedele

La Regione Emilia Romagna nelle persone dell’Ass. Carlo Lucenti e della D.ssa Vittoria Pastorelli

l’AUSL di Modena nelle persone del Dr. Maurzio Miselli e la Sig.ra Renata Munari e soprattutto il Prof. Paolo Paolucci, il Dr. Giovanni Palazzi, il Dr. Giuseppe Barone e la D.ssa Raffaella Burzi per tutto l’aiuto, la competenza medica e l’assistenza che hanno offerto alla bimba e anche a noi per consentirci di intraprendere insieme alla piccola Fatma questa avventura per la vita.

CON LA COLLABORAZIONE DI

cosmohelp_1

Categorie: Comunicati stampa, Iniziative, Progetto Iraq | | Nessun Commento »

Fatma è in Italia

20 luglio 2010 Pubblicato da roberto

Fatma Basm Jassam, la bambina talassemica conosciuta in Iraq lo scorso marzo, è adesso in Italia, ed è curata a Modena nel reparto di ematologia del Policlinico.

Tanti sono già gli articoli e comunicati stampa apparsi sui media locali. In coda alla pagina riportiamo qualche link.

E non possiamo non citare l’SMS di gioia arrivato a tanti di noi dalla nostra Presidente Fulgida Barattoni: “Desidero con tutto il cuore ringraziare tutti i soci,uno ad uno e con tutti voi condividere la gioia del sorriso della piccola Fatma che oggi grazie a IPB-Italia ha una speranza di vita.”

Adesso questa speranza è nelle mani e nella competenza di chi la ha presa in cura. A noi rimane il compito di “supportare”, con il cuore e le nostre iniziative, il soggiorno difficile tra noi di Fatma e della sua mamma.


Il giorno 1° Agosto presso il parco
la Piccola Oasi “Lilly e i Vagabondi” di Villa San Martino a Lugo

Giornata per i bimbi kurdi

PROGRAMMA di massima
  • ore 15.30 presentazione associazione e progetto.
  • ore 16.00 giochi di una volta
  • ore 18.00 – Merenda kurda e pizza party su prenotazione.

RACCOLTA GIOCATTOLI

IPB-Italia raccoglie giocattoli per i bimbi di Halabja

Categorie: Iniziative, Progetto Iraq, Rassegna stampa | | Nessun Commento »