Aiutiamo la piccola Fatma - IPB-ITALIA - Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

IPB-ITALIA

Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

Nuovo aspetto del sito e maggiore fruibilità dei contenuti!
Segnalate comunque eventuali malfunzionamenti. Grazie!

Volete tenervi aggiornati sulle ultime novità? Seguiteci su Twitter!


Aiutiamo la piccola Fatma

29 agosto 2010 di roberto

Il progetto è partito. Una cordata di tante persone per salvare la vita di una bimba irachena.

La storia la sapete ormai. Come tante vicende a cui solo il caso sembra aver dato vita, ecco una speranza che si fa concreta e una responsabilità che troviamo per fortuna già condivisa tra tanti.

Ecco allora il comunicato che dà l’avvio a un appello: perché questo percorso di solidarietà ha bisogno di un supporto duraturo per arrivare al compimento!

Vedi anche:


AIUTIAMO

La piccola FATMA

Hassan Akbar – Fatma Basm Jassam

Hassan Akbar – Fatma Basm Jassam

Una cordata di tante persone per salvare la vita di una bimba irachena

La piccola Fatma è arrivata lo scorso 18 luglio in Italia. Un viaggio della speranza come tanti ma Fatma oggi è entrata nei nostri cuori, vispa, intelligente, un vero “grillino” che conosce già tante parole in Italiano

E’ stato un grande lavoro di equipe dove tutti hanno fatto la loro parte con eccellenza e professionalità.

La squadra ha funzionato, sta funzionando e funzionerà perché la strada per salvare Fatma è appena iniziata.

Le sue condizioni sono medicalmente “gravi”, è affetta da talassemia major, una patologia che conduce alla morte, e il suo attuale stato di salute impedisce di sottoporla ad un trapianto di midollo, unica via per la sua salvezza.

Dovrà quindi seguire una terapia molto attenta per almeno 12 mesi per stabilizzare i valori nel suo sangue e il prossimo anno potrà tornare in Italia per il “trapianto di midollo” che le consentirà di vivere e vivere una vita quasi “normale”.

IPB-Italia Lo scorso marzo aveva incontarato Hassan Akbar Parwen mamma della piccola Fatma pur non parlando una parola di inglese tantomeno di italiano ne aveva inseguiti i delegati Fulgida Barattoni e Mariapia Indelicato nel giardino dell’ospedale, aveva preso loro le mani e con il solo linguaggio degli occhi, da mamma a mamma aveva detto: Aiutatemi la mia bambina sta morendo. Non esiste disperazione più grande per una mamma di dovere assistere “impotente” alla morte di un figlio”.

IPB-Italia anche se è un’associazione prettamente composta da professionisti, scienziati, avvocati, esperti di armi chimiche, nucleari, biologiche, gente che studia le convenzioni internazionali che cerca di porre piccoli rimedi alla violenza della guerra non poteva rimanere insensibile a questo richiamo e oggi si fa promotore del progetto per salvare la vita di FATMA. E’ decisiva una operazione di sensibilizzazione per avviare una

RACCOLTA FONDI

finalizzati ad aiutare la piccola Fatma

Le donazioni in aiuto di Fatma Basm potranno essere versate sul ccp 11114444 intestato a IPB-Italia, Piazza Martiri 1 – Lugo con CAUSALE: Salviamo insieme Fatma

Potrete seguire lo sviluppo del progetto, la documentazione dei versamenti effettuati e delle spese sostenute direttamente sul sito del Comune di Lugo al link dedicato a I.P.B. International Peace Bureau.(www.comune.lugo.ra.it)

Tutte le donazioni saranno seguite da regolare ricevuta di avvenuto versamento

Le azioni di aiuto sono finalizzate a sostenere i costi per :

  • la terapia medica per 12 mesi
  • il viaggio per il ritorno in Iraq per Fatma e per la madre
  • il viaggio in Italia, fra 12 mesi, per Fatma, la madre ed eventualmente un fratello donatore
  • la permanenza in Italia di Fatma e della madre per le cure post-trapianto per un periodo di circa 6 mesi
  • il viaggio di ritorno in Iraq per Fatma e per la madre

Si ringraziano:

La First Lady dell’Iraq Hero Ibrahim Talabani

il Sindaco della città di Halabja Kareem Khder

l’Ambasciata Italiana di Baghdad nelle persone dell’Ambasciatore Maurizio Melani, il Dr. Francesco Fedele

La Regione Emilia Romagna nelle persone dell’Ass. Carlo Lucenti e della D.ssa Vittoria Pastorelli

l’AUSL di Modena nelle persone del Dr. Maurzio Miselli e la Sig.ra Renata Munari e soprattutto il Prof. Paolo Paolucci, il Dr. Giovanni Palazzi, il Dr. Giuseppe Barone e la D.ssa Raffaella Burzi per tutto l’aiuto, la competenza medica e l’assistenza che hanno offerto alla bimba e anche a noi per consentirci di intraprendere insieme alla piccola Fatma questa avventura per la vita.

CON LA COLLABORAZIONE DI

cosmohelp_1

Questo articolo è stato pubblicato il domenica, agosto 29th, 2010 alle 15:41 ed è archiviato in Comunicati stampa, Iniziative, Progetto Iraq. . Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il Feed RSS 2.0 feed. Puoi lasciare un commento, o fare un trackback dal tuo sito.



Lascia un commento

Devi essere registrato e loggato per inserire un commento.