Conferenza nel Kurdistan - Il discorso di Fulgida Barattoni - IPB-ITALIA - Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

IPB-ITALIA

Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

Nuovo aspetto del sito e maggiore fruibilità dei contenuti!
Segnalate comunque eventuali malfunzionamenti. Grazie!

Volete tenervi aggiornati sulle ultime novità? Seguiteci su Twitter!


Conferenza nel Kurdistan - Il discorso di Fulgida Barattoni

18 marzo 2008 di roberto

ROSH BASH BOHAMUTAN
SABAH ALHER AL CUL
GOOD MORNING TO EVERY BODY
BUON GIORNO A TUTTI

Autorita’, sindaci, rappresentanti della societa’ civile dell’Iraq,
Il mio nome e’ Fulgida e mi piace essere Fulgida per tutti e per il solo mio nome essere da tutti voi chiamata e riconosciuta.

Oggi e’ un buon giorno perche’ finalmente siamo tutti qui italiani, iracheni, sunniti, shiiti, kurdi, tutti uniti per la pace.
La societa’ civile ovunque nel mondo e’ composta da mamme, bambini, mariti e nonni e oltre ogni differenza di cultura e religione, TUTTI vogliono la stessa identica cosa, vedere crescere i loro figli, offrire alle generazioni a venire un futuro senza la paura, IN PACE.

Alle soglie del terzo millennio la rete mondiale dei sindaci per la pace Mayors for Peace che e’ presieduta dal sindaco di Hiroshima Akiba Tadatoshi si annuncia essere una straordinaria opportunita’ per una pace che proviene dalla gente che parla attraverso i propri rappresentanti, i sindaci, che sono quell’istituzione di primo livello che puo’ mediare i bisogni e le ragioni della societa’ civile con le ragioni dei governi centrali perche’ il sindaco ha un compito molto importante: prima ancora di amministrare e rappresentare la propria comunita’ il sindaco ha il compito di PROTEGGERE i propri cittadini, i bambini, le mamme i nonni ed e’ per questo che siamo qui UNITI tutti insieme DAL GENOCIDIO ALLA PACE per fare della tragedia di Halabja un momento di riflessione per tutti per una pace al futuro perche’ MAI PIU’ i bambini debbano morire cosi’.

Quando un bambino muore il grido delle madri della terra si alza disperato perche’ i nostri figli sono la vita, sono la speranza, sono il futuro per noi, per il nostro paese e per tutta l’umanita’ intera.
Guardiamoci negli occhi e pensiamo che noi tutti siamo mamme, babbi e Dio ci ha dato un compito, proteggere, educare, crescere i nostri figli.
Se stiamo UNITI, se sapremo passare oltre le nostre differenze - ditemi dove sono io differente da una madre Irachena, sunnita, shiita, kurda che siede qui in questa sala? forse che non amiamo i nostri figli nello stesso modo? forse che l’amore e’ diverso a seconda della differenza di razza o etnia?
Se specialmente i sindaci siano essi sunniti, shiiti, kurdi sapranno unirsi per difendere i loro cittadini per una esperienza di pace che viene dalla gente per la gente allora la pace ci sara’.

Ringrazio il sindaco di Halabja Karem Kheder per avere saputo credere al futuro, per avere aperto la porta alla Mayors for Peace in IRAQ per avere realizzato questo straordinario evento ma un grazie va a tutti i giornalisti delle testate, delle televisioni, dei media, operatori nazionali e internazionali che questa mattina sono qui con noi a lavorare con noi: voi siete le persone PIU’ IMPORTANTI perche’ con il vostro lavoro mostrate alla comunita’ internazionale al mondo che TUTTI UNITI un progetto orizzontale di pace dal basso e’ possibile.

In Italia, in Sicilia nascera’ un centro per la pace in Medio Oriente e Mediterraneo. Questo centro sara’ il luogo dell’incontro e del dialogo, il luogo dove la gente si incontrera’ non per superare le proprie differenze che anzi possono essere anche una forza, si incontrano per trovare quei punti comuni da difendere, per i quali unirsi e per i quali combattere.

Consentitemi un grazie speciale con tutto il cuore, questo grazie speciale e’ per un’amica, per una donna, una donna del vostro Paese, una combattente per la pace GULALA SALIH che da tre anni lavora con me per promuovere la pace
Gulala ha costruito un ponte fra l’Italia e l’Iraq. Questa giovane donna mi ha insegnato una cosa molto importante, anche quando le cose sembrano non andare nella direzione che noi desideriamo, anche nelle condizioni piu’ avverse, questa donna mi ha insegnato che non bisogna mollare mai, che bisogna stare tutti uniti per la pace e che uniti NOI VINCEREMO!

Nota: Si segnala un link dove trovare immagini dell’evento:
http://pukmedia.com/kurdish/index.php?option=com_content&task=view&id=9904&Itemid=1

Questo articolo è stato pubblicato il martedì, marzo 18th, 2008 alle 21:31 ed è archiviato in Iniziative, Progetto Iraq. Tags: , , , , , . Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il Feed RSS 2.0 feed. Puoi lasciare un commento, o fare un trackback dal tuo sito.



Lascia un commento

Devi essere registrato e loggato per inserire un commento.