Incontro con p. alex zanotelli - IPB-ITALIA - Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

IPB-ITALIA

Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

Nuovo aspetto del sito e maggiore fruibilità dei contenuti!
Segnalate comunque eventuali malfunzionamenti. Grazie!

Volete tenervi aggiornati sulle ultime novità? Seguiteci su Twitter!


Incontro con p. alex zanotelli

6 settembre 2006 di roberto

(riceviamo da un lettore del sito e volentieri pubblichiamo.

Ricordo anche, sempre per chi abita in Toscana, la “marcia per la giustizia” che si terrà la sera del 9 settembre, da Agliana a Quarrata, con la partecipazione di Zanotelli e di vari altri esponenti della società civile.)

10 settembre 2006
ore 21.15

Chiesa di San Francesco- Pescia (PT)
“Testimonianza profetica ed evangelica di un uomo del nostro tempo”

Incontro con P. Alex Zanotelli

“Non è forse la parola “bombardare” che caratterizza il modo della vita umana su questo pianeta nel XX secolo? Forse altri secoli sono stati altrettanto violenti come il nostro, ma noi che viviamo in questo siamo responsabili del suo presente e del suo futuro.” P. Alex Zanotelli
P. Alex Zanotelli è un missionario Comboniano che ha vissuto nella baraccopoli di Korogocho in Kenya, dove sono i più poveri fra i poveri, i più esclusi fra gli esclusi.Precedentemente era stato missionario in Sudan e per molti anni direttore della rivista Nigrizia. Attualmente continua la sua opera nel Rione Sanità di Napoli. È l’ispiratore ed il fondatore di più movimenti italiani che hanno l’obiettivo di creare le condizioni della pace e di una società solidale in cui gli ultimi abbiano cittadinanza. Le letture di Gandhi, Martin Luther King, Milani, Mazzolari l’hanno aiutato a capire che era stato Gesù di Nazareth a praticare per primo la non violenza in quella Galilea schiacciata dall’imperialismo romano.

Questo articolo è stato pubblicato il mercoledì, settembre 6th, 2006 alle 22:40 ed è archiviato in Dalla Società Civile. . Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il Feed RSS 2.0 feed. Puoi lasciare un commento, o fare un trackback dal tuo sito.



Lascia un commento

Devi essere registrato e loggato per inserire un commento.