A Pineto degli Abruzzi: la delegazione del Kurdistan ha incontrato il sindaco Monticelli - IPB-ITALIA - Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

IPB-ITALIA

Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

Nuovo aspetto del sito e maggiore fruibilità dei contenuti!
Segnalate comunque eventuali malfunzionamenti. Grazie!

Volete tenervi aggiornati sulle ultime novità? Seguiteci su Twitter!


A Pineto degli Abruzzi: la delegazione del Kurdistan ha incontrato il sindaco Monticelli

30 ottobre 2006 di roberto

Il Centro, 10 ottobre 2006
Pineto
UNA DELEGAZIONE DEL KURDISTAN HA INCONTRATO IL SINDACO MONTICELLI
Pineto. L’antica villa Filiani apre le porte all’Iraq. Una delegazione del Kurdistan è stata infatti in visita a Pineto, nell’ambito della campagna “Mayors for Peace”, sindaci per la pace, associazione nata nel 1992 per combattere la proliferazione degli armamenti nucleari, a cui recentemente ha aderito il primo cittadino pinetese.
Alla guida della delegazione curda c’era Khdir Kareem Mohammed, sindaco di halabja e hikmat Haid Arif, componente del comitato delle vittime di Halabja, accompagnato da alcuni membri dell’Ipb (International Peace Bureau)Italia. “Halabja, con i suoi 70mila abitanti, fu sottoposta” ha raccontato il sindaco curdo nel corso dell’incontro con gli amministratori locali, “nel corso di un’azione militare irachena al più massiccio bombardamento con armi chimiche che sia mai stato usato nei confronti di civili. I morti furono 5mila e i feriti più di 100mila”.”Il ruolo delle comunità locali è fondamentale come strumento di pressione sui governi nella battaglia per la pace e per una civile convivenza”, è il messaggio del sindaco di Pineto, Luciano Monticelli, “dai Comuni italiani deve venire un segnale forte per il disarmo nucleare”. (f.ce)

Questo articolo è stato pubblicato il lunedì, ottobre 30th, 2006 alle 21:36 ed è archiviato in Comunicati stampa, Mayors for Peace. Tags: , , , , . Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il Feed RSS 2.0 feed. Puoi lasciare un commento, o fare un trackback dal tuo sito.



Lascia un commento

Devi essere registrato e loggato per inserire un commento.