Un sogno… non solo mio! - IPB-ITALIA - Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

IPB-ITALIA

Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

Nuovo aspetto del sito e maggiore fruibilità dei contenuti!
Segnalate comunque eventuali malfunzionamenti. Grazie!

Volete tenervi aggiornati sulle ultime novità? Seguiteci su Twitter!


Un sogno… non solo mio!

24 ottobre 2006 di roberto

Prima Classificata “Una Favola giovane” sezione Scuole Primarie

Un sogno… non solo mio!

di Claudia di Marco da Mazara del Vallo
Scuola Primaria Statale “G.B. Quinci” IV Circolo Didattico, Mazara del Vallo

Sai maestra… ti ricordi quando a scuola ci hai parlato degli ebrei morti nei campi di concentramento, di tutte le vittime che ha fatto la guerra e di tutte le guerre che ancora si continuano a combattere? Beh, il mio cuoricino è rimasto molto turbato e una notte ho sognato che…
…Grossissimi aerei guidati da cattivissimi uomini lanciavano bombe, terrorizzando tutto il paese.
Dovunque si sentivano grida di mamme e bambini soli. Ad un tratto sentii in lontananza il pianto di una donna. Mi avvicinai e, con grande sorpresa, vidi una ragazza bellissima vestita di bianco, ma con il viso tutto insanguinato. Singhiozzava, era disperata e tra le lacrime mi disse di chiamarsi Pace.
L’abbracciai per dare un po’ di calore al suo corpo che tremava. Mi raccontò che ormai per lei non c’era più posto sulla Terra: il cuore degli uomini era dominato dalla guerra e dall’odio. I bimbi in TV non potevano più vedere cartoni animati, ma solo scene di guerra e di violenza. Io ascoltavo con gli occhi pieni di lacrime, adesso capivo: Pace, stava per morire ed io dovevo fare qualcosa.
Corsi in strada a chiamare tutti i bambini che incontravo, ne trovai più di cento. Andammo da Pace, la prendemmo in braccio e cominciammo a farla girare per le vie della città. Era un po’ pesante per noi piccoli ma la forza che avevamo dentro ci faceva superare ogni cosa. Piano piano, come per miracolo, gli aerei sparirono, le bombe si trasformarono in fiori dai vari colori, le strade si ripulirono e tornò a splendere il sole.
Pace, ad un tratto, sorrise e, guardando il cielo, si trasformò in una colomba bianca. Volevo prenderla ma lei volò via…
…sai maestra, quando mi sono svegliata, ho trovato una piuma sul mio cuscino…..

Questo articolo è stato pubblicato il martedì, ottobre 24th, 2006 alle 21:53 ed è archiviato in I testi delle favole, III edizione 2006, Una favola per la Pace. . Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il Feed RSS 2.0 feed. Puoi lasciare un commento, o fare un trackback dal tuo sito.



Lascia un commento

Devi essere registrato e loggato per inserire un commento.