Una favola per la pace: dalla stampa - IPB-ITALIA - Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

IPB-ITALIA

Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

Nuovo aspetto del sito e maggiore fruibilità dei contenuti!
Segnalate comunque eventuali malfunzionamenti. Grazie!

Volete tenervi aggiornati sulle ultime novità? Seguiteci su Twitter!


Una favola per la pace: dalla stampa

28 febbraio 2004 di roberto

Premio Letterario Internazionale in lingua Italiana
Città di Lugo

UNA FAVOLA PER LA PACE

Anno 2003 Prima edizione

“Scrittori attivi per la pace” (Corriere di Faenza e Lugo, 17 febbraio).
“Esperti internazionali discutono alla Rocca di Lugo su pace e Nazioni Unite” (Il Resto del Carlino, 20 febbraio).
“Cora Weiss, candidata al Nobel per la pace, ‘Una fiaba può sconfiggere mille armi’” (Il Resto del Carlino, 21 febbraio).
“Premiata la più bella ‘favola per la pace’. E’ di una studentessa di Cortona” (Il Resto del Carlino, 22 febbraio).
“Capitale mondiale della pace” (Corriere di Faenza e Lugo, 22 febbraio).
“Candidata al Nobel per la pace visita i monumenti della città” (di Ravenna, n.d.r.) (Il Resto del Carlino, 23 febbraio)

Sono questi alcuni dei titoli a piena pagina apparsi sulla stampa, durante i giorni fervidi di iniziative che hanno visto protagonista l’IPB-Italia, assieme allo “Steering Committee” della sede centrale IPB di Ginevra, a partire da venerdi 20 febbraio 2004 e fino a domenica, e che hanno reso internazionali per tre giorni le città di Lugo e di Ravenna.

Fulcro centrale la “Favola per la pace” nella sua prima edizione, il cui successo è stato suggellato dalla quantità di lavori pervenuti (circa 250) e dall’en plein di pubblico e di autorità sabato 21 febbraio al Teatro Rossini di Lugo. Presentatore brioso e accattivante il direttore del Premio, Alberto Barbero, mentre sul palco si sono esibiti, in un crescendo gioioso e alternato con la premiazione dei lavori, il gruppo di bambini della scuola elementare “San Giuseppe” di Lugo, il complesso rap “Il lato oscuro della costa” di Forlì, mentre all’attrice Natascia Chiarlo è stato affidato il compito, svolto in maniera sentita e impeccabile, di leggere le opere più significative.

Il primo premio è andato alla favola “La fine del gioco degli scacchi”, ideata da Nicoletta Livraga di Cortona, seguita da “Per chi suona la sirena” di Massimo Toschi, italiano ma da tempo residente a New York dove svolge l’attività di funzionario all’ONU. A seguire, “L’ultimo guerriero” della fiorentina Maria Grazia Betti, mentre numerosi attestati di riconoscimento sono andati ad altri bravi autori e alle scuole che hanno partecipato al concorso.

Non solo esibizioni letterarie comunque, ma è anche un insegnamento quello che scaturisce dalla giornata: perché la pace si costruisce con la cultura ma anche e soprattutto con la convinzione che ciascuno nel proprio piccolo vi può contribuire; e un intervento significativo, rimastomi impresso, è stato quello di Massimo Toschi: rivolgendosi ai numerosi bambini e ragazzi presenti in sala, ha esortato a non disperdere i propri sogni di pace di fanciulli; portando come esempio proprio la sua esperienza di vita, che da ragazzo con l’ideale di pace nel cuore ha poi potuto intraprendere col tempo proprio un’attività che della pace ha il suo fine, arrivando a lavorare in seno all’organizzazione delle Nazioni Unite a New York.
Come dire, insegui il sogno e si concretizzerà.

Roberto Del Bianco

Cliccando qua potete vedere alcune immagini scattate durante la cerimonia della premiazione.

Questo articolo è stato pubblicato il sabato, febbraio 28th, 2004 alle 20:15 ed è archiviato in Comunicati stampa, I edizione 2003, Una favola per la Pace. . Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il Feed RSS 2.0 feed. Puoi lasciare un commento, o fare un trackback dal tuo sito.



Lascia un commento

Devi essere registrato e loggato per inserire un commento.