Progetto Iraq - IPB-ITALIA - Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

IPB-ITALIA

Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

Nuovo aspetto del sito e maggiore fruibilità dei contenuti!
Segnalate comunque eventuali malfunzionamenti. Grazie!

Volete tenervi aggiornati sulle ultime novità? Seguiteci su Twitter!


Archivi del blog

Da Sulaimaniya. Comunicato del 17 marzo

18 marzo 2010 Pubblicato da roberto

Sulaymaniya  (Iraq)–  Altra giornata intensa e ricca di appuntamenti quella che ha avuto ieri la delegazione italiana dell’International Peace Bureau, guidata dalla presidente Fulgida Barattoni e composta da Vincenzo D’Asaro, sindaco di Mazzarino; Susanna Agostini, presidente della commissione pace, solidarietà e relazioni internazionali del comune di Firenze; Salvaltore Vella, consulente bancario;  Andrea Misuri, Ipb Italia; Massimo Viola, federazione commercio nel mediterraneo; Maria Pia Indelicato, segretario generale Ipb Italia; Alessandro Gaio, imprenditore; Luciano Scambiato, membro di Ipb, ambasciatore dell’Università Giovanni Paolo I e consulente per i rapporti internazionali del sindaco Vincenzo D’Asaro; Valerio Martorana, giornalista.
Nella prima mattinata la delegazione si è recata ad Halabija presso il mausoleo dei martiri dove ha incontrato l’attore-regista kurdo Hama Ali Khan e subito dopo si è raccolta in preghiera all’interno del mausoleo dei martiri, continua meta di pelegrinaggio da parte del popolo kurdo che rende omaggio ai propri familiari uccisi per mano del regime di Saddam Hussein attraverso l’utilizzo delle armi chimiche.
Subito dopo si è svolta nella sala delle cerimonie una premiazione dei giornalisti internazionali che hanno reso noto, attraverso il loro lavoro e le “immagini”, l’eccidio di Halabija lo scorso 18 marzo 1988.
Tra i giornalisti vi era Ramazan Ozturk, le cui foto hanno fatto il giro del mondo ed in particolare quella che ritrae una madre uccisa che protegge il proprio figlio, anche dopo la morte. La crudeltà e la durezza di tali foto hanno portato molte persone ad interrogarsi sul perché di una barbarie così profonda nei confronti del genere umano. Oltre al giornalista turco Ramazan è stato premiato, alla presenza del sindaco Kdher Karem e del segretario del partito, Stefan Hjerten, giornalista svedese della TTSwedish News Agency  l’avvocato Jon Rud.
“In primo grado – ha affermato l’avv. Jon Rud- il tribunale ha sentenziato contro Saddam Hussein ed il suo regime di aver commesso “”crimini contro l’umanità” ma la Cassazione ha emesso il giusto verdetto voluto dalla comunità internazionale: genocidio. Questo è quello che hanno fatto al popolo Kurdo, genocidio”.
Subito dopo la cerimonia la delegazione è stata ricevuta presso l’abitazione del sindaco Khder Kareem. Fulgida Barattoni ha esortato il sindaco Kareem a concretizzare la cooperazione tra i due paesi.
In serata, infine, è arrivato il presidente internazionale dell’Ipb, Tomas Magnusson.

Valerio Martorana (addetto stampa del Comune di Mazzarino)

Categorie: Comunicati stampa, Iniziative, Mayors for Peace, Progetto Iraq | Tags: , , , , | Nessun Commento »

Cronaca della cerimonia di ieri

17 marzo 2010 Pubblicato da roberto

Dalla delegazione in Kurdistan, a firma Valerio Martorana (addetto stampa del comune di Mazzarino)

COMUNICATO STAMPA

Mazzarino  –  E’ stato ricordato ieri martedì mattina l’eccidio di Halabija del 1988 attraverso un’apposita cerimonia che si è svolta nella cittadina del Kurdistan iracheno presso il mausoleo dei martiri e che ha visto il sindaco Vincenzo D’Asaro, insieme a Susanna Agostini, in rappresentanza del comune di Firenze, e Fulgida Barattoni, presidente dell’International Peace Bureau Italia, portare il saluto ai presenti leggendo un telegramma del Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano.

“Desidero far pervenire il mio cordiale saluto all’organizzazione “Mayors for peace” in occasione della commemorazione del bombardamento di Halabija che il 16 marzo 1988 provocò la morte di migliaia di cittadini inermi nella regione del Kurdistan iracheno. Il ricordo di quell’eccidio richiama la comunità internazionale ad un ulteriore impegno collettivo per la pace, per la messa al bando delle armi di distruzione di massa. L’Italia – ha scritto il Presidente Napolitano – è in prima fila nel contribuire alla ricerca di soluzioni che garantiscano la sicurezza e la stabilità in Iraq e nell’intera regione. L’elevata affluenza alle urne registrata nei giorni scorsi nel paese costituisce peratro un segnale incoraggiante circa la determinazione del popolo iracheno per l’affermazione della democrazia, dei diritti umani e del progresso della nazione. E’ con questi sentimenti- ha concluso Napolitano- che desidero esprimere il mio più sentito apprezzamento per l’impegno dell’organizzazione “Mayors for peace” e formulo i migliori auspici per il pieno successo questa iniziativa”.

“E’ stato davvero emozionante – ha affermato il sindaco Vincenzo D’Asaro- partecipare ad un evento così importante, vedere tutti quei familiari delle vittime con le foto dei loro figli uccisi dalle armi chimiche utilizzate da Saddam Hussein. Qui c’è una natura distrutta, un popolo da ricostruire attraverso dei giusti processi di democraticizzazione. La gente del luogo ti saluta con il sorriso, ha voglia di vivere, di ricominciare”.

Subito dopo la cerimonia la delegazione italiana si è recata presso il cimitero di Halabija per deporre una corona di fiori. Ha fatto seguito un pranzo con il Primo Ministro Kurdo e con il Ministro dei Martiri: “ho invitato queste due alte personalità politiche del paese a visitare la nostra terra di Sicilia e la mia città, Mazzarino, che lo scorso novembre si è proclamata ufficialmente città della pace”.

Nota: Oggi la delegazione incontrerà i giornalisti che nel 1988 furono testimoni degli effetti devastanti della strage.

Categorie: Comunicati stampa, Iniziative, Mayors for Peace, Progetto Iraq | Tags: , , , , | Nessun Commento »

Verso Halabja. Cronache e riflessioni

16 marzo 2010 Pubblicato da roberto

Direttamente da Fulgida Barattoni, riceviamo queste note. Che sono, insieme, schizzi di cronaca e riflessioni su quanto umanamente è possibile trovare e costruire, fuori dagli schemi soliti delle notizie che usualmente arrivano dai media.

Stiamo andando a Halabja sotto scorta. Qua è tutto tranquillo, l’Iraq galleggia nell’attesa dell’esito delle elezioni alle quali quest’anno hanno partecipato in massa anche gli Shiiti che l’altra volta si astennero in segno di protesta. Si configura un governo di coalizione dove i riformisti sono molto forti.

Tutti convengono comunque che il passato Presidente Talabani ha rappresentato un momento di unità del Paese molto forte anche se a quasi egemonia curda. Oggi darò lettura dei messaggi del Presidente Napolitano, l’ambasciatore Melani e il Presidente IPB di Ginevra Tomas Magnusson.

Ieri sera siamo stati invitati a cena, a casa di Aso che è un amico di Forlì che sempre ci aiuta quando abbiamo bisogno di traduttori dal kurdo.
Caro Aso, ci hai regalato una serata magica dove persone che un’ora prima nemmeno si conoscevano, senza parlare la stessa lingua, di culture e religioni differenti, per un magico volere divino si sono sentiti tutti insieme FAMiGLIA. Con le donne abbiamo scambiato vestiti, orecchini, bracciali e piccoli monili, così tanto semplicemente come fossimo sorelle, zie, parenti. Una serata magica, nella quale Allah, Dio, il Signore degli uomini era con noi ed esultava di questa fratellanza tra i suoi figli.

C’è una sicurezza da far paura: ogni 100 metri militari con mitra e camionette armate. Lungo la strada, ragazzi con le bandiere del Kurdistan ci salutano e ricordano a tutti che siamo fra un popolo che dal loro dolore e sofferenza vogliono ripartire in pace.
Dai morti di Halabja IPB è con loro per costruire azioni concrete di pace. A maggio 20 studenti arriveranno in Italia, in Sicilia dalla nostra Socia Mariapia Indelicato a fare alta formazione.
E nella città di Mazzarino partirà una nuova mostra, su Halabja e le stragi dell’Anfal.

Nota: molte immagini sono presenti nel sito del Comune di Mazzarino.

Guarda le immagini!

Categorie: Iniziative, Progetto Iraq | Tags: , , , | Nessun Commento »

Partiti alla volta dell’Iraq

14 marzo 2010 Pubblicato da roberto

Nella giornata di ieri 13 marzo la delegazione dei membri della nuova “Mission” di pace ha iniziato il suo viaggio alla volta di Sulaimaniya, nel Kurdistan iracheno. Organizzata dall’International Peace Bureau, la più antica federazione di organizzazioni e associazioni per la pace con sede a Ginevra, parteciperà alle celebrazioni della strage della popolazione di Halabja operata con gas chimici da Saddam nel 1988.
Questa Mission rappresenta la continuazione di un percorso iniziato nel 2006 e che in questi anni ha avuto sviluppi inaspettati: grazie all’interessamento e la collaborazione di Regione Toscana, Comune di Firenze e ospedale Meyer, in questa regione del nord Iraq è stata possibile la costruzione di quattro ospedali la cui alta specializzazione in campo radioterapico e oncologico sarà di grande aiuto anche per la cura delle stesse vittime sopravvissute agli eccidi di Saddam.
Ai colloqui con le autorità locali parteciperanno, per il Comune di Firenze, la Presidente della Commissione Pace Susanna Agostini, mentre l’IPB di Ginevra sarà rappresentato dallo stesso Presidente Thomas Magnusson.
Nella delegazione ricordiamo inoltre Fulgida Barattoni attuale Presidente di IPB-Italia, ufficio italiano dell’organizzazione, assieme a diversi altri membri. Si affiancheranno inoltre alcuni operatori economici italiani che avranno colloqui con i corrispondenti locali. Ricordiamo che la regione autonoma del Kurdistan iracheno ha vissuto marginalmente le vicende della guerra e la loro spinta al progresso economico e sociale rappresenta una priorità per risollevarsi rapidamente dal lungo periodo di sofferenze e distruzione.

Categorie: Comunicati stampa, Iniziative, Progetto Iraq | Tags: , , , , | Nessun Commento »

Ritornando nel Kurdistan

11 marzo 2010 Pubblicato da roberto

E’ imminente il nuovo viaggio nel Kurdistan iracheno organizzato da International Peace Bureau, anche quest’anno invitati per il 16 marzo prossimo alla cerimonia dell’anniversario della strage di Halabja. E’ una conferma ulteriore dei rapporti sempre più stretti con la regione autonoma nel nord Iraq, che vede come interlocutori privilegiati, la nostra associazione oltre che istituzioni italiane.

Questa volta il viaggio porterà alcune novità. Sarà infatti presente nella delegazione anche Thomas Magnusson, il Presidente dell’International Peace Bureau mondiale, mentre si affiancheranno alcuni imprenditori italiani negli incontri con le locali istituzioni.

Un collage da immagini della Mission del 2006

Ricordiamo che lo scorso anno le stesse Nazioni Unite hanno riconosciuto alla città di Halabja lo status di “città martire” mentre il sindaco Khder Kareem è entrato nella rosa dei Vicepresidenti di “Mayors for Peace”, l’organizzazione sorta nel 1982 ad opera dei Sindaci di Hiroshima e Nagasaki allo scopo di abolire nel mondo le armi nucleari. La testimonianza della strage operata con armi chimiche nel 1988, su Halabja e su diverse aree della regione curda, aiuta nell’innalzare l’attenzione dell’organizzazione sulla necessità stringente di considerare nel loro insieme tutte le armi di distruzione di massa, nucleari, batteriologiche e chimiche.

Nota: Nei prossimi giorni cercheremo di aggiornarvi tempestivamente sulle ultime novità che proverranno dai membri della delegazione.

Stay tuned!

Membri della delegazione:

Fulgida Barattoni

Delegation leader

IPB – Council Member

Luciano Scambiato Licciardi

Delegation coordinator IPB St. Comm.ttee

Tomas Magnusson

IPB President

Maria Pia Indelicato

IPB Member

Massimo Viola

FEDER.CO.MED Found and reporter

Andrea Misuri

IPB Member

Salvatore Vella

IPB Member – Banking Expert

Susanna Agostini

Florence Mayor Representative

Categorie: Iniziative, Progetto Iraq | Tags: , , , , , , | Nessun Commento »