Da Levico Terme, la proposta di legge sul controllo delle armi in Europa - IPB-ITALIA - Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

IPB-ITALIA

Associazione per la pace, il disarmo, la soluzione nonviolenta dei conflitti

Nuovo aspetto del sito e maggiore fruibilità dei contenuti!
Segnalate comunque eventuali malfunzionamenti. Grazie!

Volete tenervi aggiornati sulle ultime novità? Seguiteci su Twitter!


Da Levico Terme, la proposta di legge sul controllo delle armi in Europa

15 luglio 2003 di roberto

E’ riportato con risalto dall’agenzia ANSA (http://www.ansa.it/europa/lacommissione/20030711185732627786.html) l’incontro di aggiornamento, tenuto l’11 luglio scorso a Levico Terme (Trento), sullo stato della proposta di legge europea, che punta a una regolamentazione del mercato delle armi e che sara’ presentata a breve al Parlamento di Strasburgo.
La campagna europea che mira a questa svolta legislativa è stata coordinata da IPB-Italia, IALANA (l’organizzazione internazionale degli avvocati contro le armi nucleari) e IPPNW (l’organizzazione internazionale che riunisce i medici contro la guerra nucleare), i cui rappresentanti hanno descritto nei dettagli l’iniziativa.

Sono qua riportati i testi di alcune testate giornalistiche locali che hanno descritto l’iniziativa:

Il Resto del Carlino - L’Adige - Valsugana Primiero

Nel nostro sito è presente anche un testo (in lingua inglese e francese) utile come riferimento per la stampa internazionale:

EU Study Groups Project - for press conference.


(ANSA) - TRENTO, 11 LUG - ”Per la prima volta il popolo europeo si attiva per un’ iniziativa legislativa comune, che punta a una regolamentazione del mercato delle armi”. Lo ha detto a Trento Herman Spanjaard, medico ed ex deputato olandese, presidente della commissione europea della Ippnw (Internazionale Medici per la prevenzione della guerra nucleare). La campagna europea e’ coordinata da tre enti internazionali, i cui responsabili si sono riuniti oggi a Levico Terme (Trento) per un aggiornamento sullo stato della proposta di legge che sara’ presentata a breve al Parlamento Europeo: oltre a Ippnw, che nel mondo raggruppa 45 mila medici, sono impegnati nella campagna l’Associazione mondiale Giuristi contro le armi nucleari (Ialana) e Ipb (International Peace Bureau), la piu’ antica federazione mondiale per la pace, Premio Nobel 1910 e fra i candidati al Nobel 2003. L’ Ipb ha una sede anche in Italia ed e’ presieduto da Fulgida Barattoni.
Al termine dell’ incontro di oggi, i responsabili dei tre organismi hanno spiegato ai giornalisti i contenuti del disegno di legge europeo, che e’ stato presentato proprio in questi giorni all’ Onu, nel corso del Meeting biennale sulle armi leggere. ”Il mercato delle armi manca di una regolamentazione in Europa - ha detto Fulgida Barattoni - e la materia viene lasciata ai singoli stati, alcuni dei quali hanno leggi molto severe e trasparenti, altri molto permissive”.
La proposta di legge di Ipb-Ippnw-Ialana e’ stata elaborata da esperti di vari paesi europei, che hanno analizzato le legislazioni dei singoli paesi e hanno proposto una ”regolamentazione etica comune del mercato degli armamenti” estrapolando le linee guida dai principi del diritto fondamentali della stessa Ue. L’ obiettivo e’ di raggiungere il meglio che ogni stato membro puo’ offrire e non piu’ una politica del minimo comune denominatore fra le nazioni.
Obiettivo prioritario e’ comunque l’annullamento della Convenzione di Farnborough del 27 luglio 2000, firmata da Regno Unito, Germania, Francia, Spagna, Svezia, Italia, che consiste in un regolamento quadro per la ”Ristrutturazione dell’ industria bellica”, e che secondo Ipb liberalizza l’ export di armi verso tutto il mondo, senza alcun controllo, violando numerosi trattati europei, tra cui quello di Schengen sulla sicurezza.
”Puo’ sembrare strano che un’ associazione internazionale di medici si unisca a giuristi per occuparsi di armi - ha detto Herman Spanjaard - ma i medici sono quelli che vedono in prima linea le conseguenze del mercato delle armi. In Africa negli ultimi 10 anni ci sono stati 4 milioni di morti e almeno altrettanti invalidi a causa delle armi leggere. E le armi leggere sono spesso il primo passo per passare poi a quelle nucleari, come insegnano Pakistan e altri paesi”. Antonio Palmieri, del Centro documentazione su Ingegneria e Etica ambientale dell’ Universita’ di Bologna, ha introdotto il tema dell’ etica istituzionale che deve tener presente non solo le generazioni di oggi ma anche quelle future, affiancando al concetto di prevenzione anche quello di precauzione.
Tra gli esempi positivi in tal senso e’ stata citata la campagna mondiale contro le mine antiuomo, che all’ inizio pareva un’ utopia e che alla fine ha avuto successo. Alla campagna europea di Ipb-Ippnw-Ialana aderiscono centinaia di gruppi ed associazioni di tutta Europa. In Italia, tra le altre, Oscar, Safeworld, Iansa, Caat, Enaat, Archivio Disarmo, Campagna 185, Arias.
(ANSA). GFU

Questo articolo è stato pubblicato il martedì, luglio 15th, 2003 alle 19:03 ed è archiviato in Iniziative. Tags: , , , . Puoi seguire i commenti a questo articolo tramite il Feed RSS 2.0 feed. Puoi lasciare un commento, o fare un trackback dal tuo sito.



Lascia un commento

Devi essere registrato e loggato per inserire un commento.